PROGETTI IN ITALIA

 

Titolo progetto: CI SONO ANCH'IO!

 

A seguito dell’analisi territoriale svolta, è emerso che i principali servizi a favore delle lavoratrici domestiche consistono principalmente nella mediazione tra domanda e offerta e nella prestazione di servizi fiscali e di dispiego pratiche. Il presente progetto, invece, vuole apportare un contributo reale al di fuori della vita lavorativa delle domestiche, le quali troppo spesso vivono in una situazione di silenziosa emarginazione, senza la possibilità di condividere i loro problemi e senza alcun tipo di supporto. Il progetto ha come obbiettivi, quindi, alleviare l’isolamento sociale delle donne impiegate nel lavoro domestico e di cura, attraverso la creazione di uno sportello d’ascolto, servizi di sostegno alla persona e di socializzazione. Promuovere l’integrazione delle donne straniere affinché non vivano in uno stato di isolamento.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: REGIONI (Marche, Toscana, Campania, Calabria, Piemonte, Sardegna, Basilicata, Liguria, Umbria, Provincia autonoma di Trento, Veneto, Friuli Venezia Giulia).

 

CI SONO ANCH'IO!
PROG_Ci sono anch'io.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.5 MB

 

Titolo progetto: SIAMO TUTTI UGUALI

  

In seguito alla domanda intercettata mediante l’analisi del contesto della situazione italiana in riferimento al settore immigrazione, il progetto si pone l’obiettivo di dare risposte concrete ad alcune importanti esigenze presenti fra molti cittadini immigrati, tra queste la creazione di opportunità di apprendimento della lingua italiana specificatamente rivolte ai target più vulnerabili, volte all’acquisizione di una competenza linguistica sufficiente ad una minima inclusione socio-economica. Supporto da parte del terzo settore e del privato sociale nella programmazione e realizzazione di attività formative rivolte ai cittadini di origine straniera. Realizzazione di spazi di incontro, discussione e informazione rispetto alla “questione migratoria”, al fine di contribuire alla costruzione di una consapevolezza sociale diffusa dell’immigrazione come elemento ormai strutturale della società italiana.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: (Aosta Ascoli Piceno Avellino Bari Benevento Biella Catanzaro Como Cosenza Cremona Cuneo Lecce Messina Milano Oristano Pavia Perugia Savona Trento Treviso Udine Varese Vibo Valentia)

 

SIAMO TUTTI UGUALI
PROG_Siamo tutti uguali.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.8 MB

 

Titolo progetto: SCHOOL IS COOL

  

Il presente progetto si inserisce in un contesto territoriale che già gode di una rete di associazioni e scuole che operano al fine di contrastare la dispersione scolastica. School is cool!, infatti, si colloca come intervento complementare e integrativo di quelli già sussistenti, impegnandosi, però, diversamente dagli altri, a colmare non solo le lacune cognitive dei ragazzi (recupero delle abilità di base, guida al successo nello studio, ecc.), ma anche quelle affettive (motivazione, orientamento). La grande sfida, inoltre, è quella di trasmettere il messaggio che la scuola è un luogo di crescita e accoglienza, dove sviluppare la propria individualità, e non una causa di frustrazione e abbandono del proprio percorso formativo. L’innovazione del progetto consiste nel coinvolgere anche il contesto familiare ed educativo dei giovani, al fine di creare una rete collaborativa ed efficace nella lotta alla dispersione. In particolare, dunque, il progetto si pone due grandi obbiettivi: Prevenire e arginare il fenomeno della dispersione e dell’abbandono scolastico, migliorando la qualità dell’apprendimento e Promuovere il benessere degli adolescenti, attraverso il sostegno alla genitorialità e il miglioramento del dialogo tra genitori e figli.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: REGIONI (Lazio e Toscana)

 

SCHOOL IS COOL
PROG_School is cool.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.2 MB

 

Titolo progetto: UNA SCUOLA PER AMICA

  

Con il progetto Una scuola per amica si intende realizzare una serie di interventi finalizzati alla prevenzione della dispersione scolastica, attraverso la costruzione di azioni in un’ottica di rete, ovvero  contribuendo all’ampliamento dell’offerta formativa degli Istituti Scolastici del territorio mediante attività di tutoraggio scolastico e animazione culturale, rivolte principalmente ai ragazzi (destinatari diretti), ma coinvolgendo anche le famiglie e le altre agenzie educative del territorio. Si pone come obiettivi generali: Arginare il fenomeno della dispersione scolastica, attraverso azioni di sostegno scolastico e innalzamento dei livelli di apprendimento dei giovani, migliorando il metodo di studio, ma anche restituendo ai ragazzi una percezione positiva di se stessi; Alleviare il disagio giovanile, promuovendo la socializzazione e favorendo il dialogo familiare.

 

SEDI DI ATTUAZIONE: Catania, S. Maria Di Licodia, Linguaglossa

 

UNA SCUOLA PER AMICA
PROG_Una scuola per amica.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.1 MB

 

Titolo progetto: UNA BUSSOLA PER IL FUTURO

  

L’analisi condotta evidenzia come la dispersione non sia un fenomeno limitato all’ambiente scolastico, bensì si tratta di un problema multidimensionale che riguarda anche il contesto familiare e sociale dei minori. Sono molteplici e concomitanti, inoltre, le cause che provocano l’allontanamento dei ragazzi dal loro percorso formativo e, pertanto, è necessario intervenire con azioni ben strutturate, capaci di agire sui diversi fattori determinanti. Gli interventi proposti dal progetto Una bussola per il futuro in ciascuna delle sedi di attuazione, dunque, mirano principalmente al raggiungimento di due macro-obiettivi, intesi come obiettivi generali per prevenire il fenomeno dell’abbandono scolastico dei ragazzi che presentano già una carriera scolastica poco lineare (ripetenze, difficoltà di apprendimento, frequenze irregolari). Alleviare le situazioni di disagio giovanile, creando opportunità di aggregazione e favorendo l’inclusione dei ragazzi stranieri o di seconda generazione.

 

PROVINCE DI ATTUAZIONE (Enna, Caltanissetta, Catania, Trapani, Palermo, Siracusa, Messina)

 

UNA BUSSOLA PER IL FUTURO
PROG_Una bussola per il futuro.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.7 MB

 

Titolo progetto: STUDIO, ERGO SUM

 

L’analisi del contesto presentata evidenzia come il fenomeno della dispersione scolastica non riguardi esclusivamente quello che accade sui banchi di scuola, ma comprenda in sé una serie di fattori, tutti concatenati, che interessano anche la sfera familiare e sociale dei ragazzi. Si tratta, infatti, di un fenomeno multidimensionali, generato da molteplici cause concomitanti. Per questa ragione, l’intervento di Studio, ergo sum non si limita ad una sola delle varie determinanti, ma intende agire con incisività su più fronti, al fine di raggiungere la massima efficacia. Prevenire e recuperare i casi di abbandono scolastico attraverso il miglioramento dell’approccio metodologico allo studio, l’orientamento, la rimotivazione, l’inclusione e una rinnovata consapevolezza di se stessi; Favorire il benessere degli adolescenti a rischio evolutivo attraverso il rafforzamento del ruolo genitoriale e il miglioramento del dialogo all’interno delle famiglie.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: PIEMONTE, MOLISE, VENETO, CAMPANIA, FRIULI VENEZIA GIULIA, LOMBARDIA, LIGURIA

  

STUDIO, ERGO SUM
PROG_Studio ergo sum.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.4 MB

 

Titolo progetto: FAMIGLIA SOSTIENE FAMIGLIA

 

L’analisi di contesto ha messo in luce quali siano i principali bisogni e i relativi problemi delle famiglie che vivono nel contesto territoriale di riferimento:

Crescente vulnerabilità economica delle famiglie; Difficoltà di accesso ai servizi e alle risorse dei territori (soprattutto nelle zone di disagio sociale e degrado ambientale); Condizione Di      isolamento dei nuclei familiari più fragili (che vivono situazioni di malessere e disagio o hanno in cura anziani, minori, disabili; Debolezza del capitale sociale comunitario;

Il Progetto, dunque, si pone come obiettivo generale quello di migliorare le condizioni economiche e sociali delle famiglie residenti nei territori interessati e di ridurne le condizioni di vulnerabilità.

  

TERRITORI DI ATTUAZIONE: ANCONA, ASCOLI PICENO, FROSINONE, L’AQUILA, LATINA, MACERATA, ROMA, TERAMO

 

FAMIGLIA SOSTIENE FAMIGLIA
PROG_Famiglia sostiene famiglia.pdf
Documento Adobe Acrobat 979.6 KB

 

Titolo progetto: NETWORK FAMILIARE

 

Network familiare, come dice, il titolo stesso è quello di creare delle reti di famiglie che si supportino reciprocamente per migliorare le proprie condizioni di vita e combattere situazioni di disagio e di vulnerabilità. Gli obiettivi specifici sono: incrementare i servizi di formazione ed informazione dedicati alle famiglie, affinché le famiglie siano parte attiva della comunità di appartenenza; incrementare i servizi di socializzazione e di mutuo aiuto fondati su rapporti di solidarietà e scambio; incrementare i servizi di sostegno e supporto alla famiglia, attraverso azioni di ascolto e consiglio strutturato.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: Calabria, Sardegna e Sicilia

 

NETWORK FAMILIARE
PROG_Network familiare.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.7 MB

 

Titolo progetto: FAMIGLIA RISORSA SOCIALE

 

La Sicilia vanta il triste record di indigenza registrando la percentuale più alta in Italia. Per questo motivo il progetto ha come obiettivo quello di contrastare il fenomeno della emarginazione sociale delle famiglie più a rischio. Tale finalità verrà perseguita su due linee di intervento: favorire la partecipazione attiva alla vita sociale; rafforzare le capacità e le risorse familiari, in un’ottica di prevenzione del disagio. Gli obiettivi specifici sono: incrementare le conoscenze, capacità e competenze delle famiglie che vivono in situazione di vulnerabilità economica; incrementare le opportunità di sostegno e supporto per le famiglie che vivono in condizione di vulnerabilità sociale, familiare, di contesto; incrementare le opportunità di accesso ai servizi e alle risorse.

  

TERRITORI DI ATTUAZIONE: SICILIA

 

FAMIGLIA RISORSA SOCIALE
PROG_Famiglia risorsa sociale.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.5 MB

 

Titolo progetto: LA FAMIGLIA PROTAGONISTA DEL SISTEMA SOCIALE

 

Dall’analisi del contesto sui diversi territori interessati dall’intervento si rileva che alcune carenze strutturali e di politiche locali sono le concause che determinano un eccessivo carico nelle famiglie in cui sono presenti soggetti deboli (minori, disabili, anziani, etc.). Tale lavoro eccessivo si riflette non solo nella salute dei caregivers ma anche nella loro vita sociale, comportando un peggioramento della qualità della vita degli stessi. Obiettivo generale del progetto LA FAMIGLIA PROTAGONISTA DEL SISTEMA SOCIALE è di migliorare le condizioni di vita dei caregivers impegnati nella cura ed assistenza dei familiari rafforzando il welfare sociale e valorizzando le risorse locali.

  

TERRITORI DI ATTUAZIONE: Cagliari, Caltanissetta, Catania, Taranto, Cosenza, Foggia, Salerno, Siracusa 

 

LA FAMIGLIA PROTAGONISTA DEL SISTEMA SOCIALE
PROG_La famiglia protagonista del sistem
Documento Adobe Acrobat 1.3 MB

 

Titolo progetto: LA FAMIGLIA AL CENTRO DEI CAMBIAMENTI

 

Obiettivi specifici che si pone la famiglia al centro dei cambiamenti sono:

Distribuire il carico di lavoro di cura e assistenza sul sistema sociale, al fine di diminuire l’incidenza su uniche figure “caregivers” e sulle loro famiglie; migliorare il sostegno verso anziani, minori e disabili; Rafforzare i caregivers affinché non si sentano oppressi e soli nella gestione di cura della persona; migliorare la qualità di vita dei caregivers; incrementare i servizi di conciliazione vita e lavoro; incrementare l’accesso delle donne al mercato del lavoro; incrementare le competenze dei caregivers.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: (Alessandria, Arezzo, Bergamo, Bologna, Brescia, Firenze, Genova, Massa, Carrara, Pavia, Pisa, Rimini, Savona, Siena, Sondrio, Terni, Torino, Trento, Treviso) 

 

LA FAMIGLIA AL CENTRO DEI CAMBIAMENTI
PROG_La famiglia al centro dei cambiamen
Documento Adobe Acrobat 559.9 KB

 

Titolo progetto: COMUNITA' SOSTENIBILI CONTRO LO SPRECO

 

Secondo gli obbiettivi del progetto, tre sono le priorità su cui dover intervenire: E’ necessario attivare interventi in un’ottica preventiva e non solo riparativa. Questo significa agire contemporaneamente sui modelli di produzione, consumo e sugli stili di vita per promuovere un cambiamento orientato al raggiungimento di maggiori livelli di sostenibilità economica, ambientale e sociale.

Creare interventi di rete e buone prassi di economia civile coinvolgendo nello sviluppo degli interventi in maniera attiva: imprese, istituzioni

Attivare le proprie risorse per agire più concretamente per prevenire lo spreco e promuovere nei singoli il senso di responsabilità individuale alla produzione del Bene Comune nelle comunità di riferimento. Questo significa educare, informare e formare i cittadini sulle tematiche dello sviluppo sostenibile e della cittadinanza attiva.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: BRESCIA, MILANO, TORINO, VERONA, ANCONA, AOSTA 

 

COMUNITA' SOSTENIBILI CONTRO LO SPRECO
PROG_Comunità sostenibili contro lo spre
Documento Adobe Acrobat 447.2 KB

 

Titolo progetto: CITTA' ETICA

  

Il progetto Città Etica coinvolgerà 35 volontari ripartii in 6 regioni (Abruzzo, Calabria, Campania; Lazio, Puglia e Sicilia) e 18 province del centro e Sud Italia. Il progetto vuole lavorare sullo sviluppo del senso civico di giovani tra i 15 e 29 anni con particolare attenzione alle tematiche della legalità e della partecipazione attiva nelle comunità di riferimento.

Parlare di legalità nelle regioni del Sud Italia è un tema complesso. La forte presenza della criminalità organizzata permea la società in un contesto in cui spesso trova facile presa a causa di problemi socio economici, difficoltà nel trovare un’occupazione, generale sfiducia nello stato e nelle istituzioni che non riescono ad incidere significativamente nello sviluppo del territorio.

Il Meridione è poi caratterizzato negli ultimi anni dalle forti ondate di profughi che portano, oltre a problemi logistici di accoglienza, una negativa sensazione di invasione, sensazione che viene anche incrementata dai timori di ingresso di potenziali terroristi.

 

In tale situazione però non è possibile solamente rimanere fermi: diventa necessaria una forma di reazione che però passa anche da una maggiore consapevolezza nel sentirsi parte della comunità accettandone, in maniera comunque critica, i diritti e doveri stabiliti per legge e sviluppando un senso di responsabilizzazione personale e collettiva.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: (LAZIO ABRUZZO CAMPANIA PUGLIA CALABRIA SICILIA)

 

CITTA' ETICA
PROG_Città etica.pdf
Documento Adobe Acrobat 613.4 KB

 

Titolo progetto: LEGALMENTE

 

L’analisi del contesto e le criticità rilevate hanno evidenziato la necessità di perseguire due macro-obiettivi (obiettivi generali): Promuovere i valori della società civile, attraverso il potenziamento delle progettualità relative alla diffusione della cultura della legalità e la previsione di percorsi formativi sul tema; Prevenire i fenomeni di devianza, microcriminalità e comportamenti illegali dei giovani, attraverso la creazione di occasioni e opportunità di aggregazione, che facilitino il confronto, il dialogo e sviluppino il senso di appartenenza alla comunità nonché l’esercizio attivo di democrazia partecipativa e assunzione di responsabilità. In particolare, il progetto intende rendere i giovani al tempo stesso protagonisti e fruitori delle attività proposte, al fine di ridurre il rischio di emarginazione sociale e sviluppare una sensibilità alla legalità da trasmettere peer to peer.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: (PIEMONTE, VALLE D’AOSTA, LOMBARDIA, LAZIO, FRIULI VENEZIA GIULIA, VENETO, TRENTINO ALTO ADIGE, TOSCANA, EMILIA ROMAGNA, UMBRIA, MARCHE, SARDEGNA)

  

LEGALMENTE
PROG_Legalmente.pdf
Documento Adobe Acrobat 591.4 KB

 

Titolo progetto: I MIGRANTI SIAMO NOI

 

Il progetto mira a contribuire a migliorare la capacità di integrazione sociale dei cittadini immigrati attraverso l’attivazione di servizi informativi e di assistenza e attraverso lo sviluppo di azioni di conoscenza del territorio, della lingua e della cultura italiana. In particolare il progetto si propone di fornire un servizio adeguato di supporto nella burocrazia italiana ai cittadini stranieri; fornire un servizio informativo adeguato sui servizi presenti sul territorio e sugli interventi a favore dei migranti; rafforzare la rete con istituzioni e privato sociale a sostegno dei migranti; migliorare la capacità di inserimento socio-culturale dei migranti. In linea con gli obiettivi del progetto, verranno avviate le seguenti attività: attivazione di uno sportello informativo presso il patronato; raccolta di informazioni e sviluppo di contatti sul territorio; organizzazione incontri e percorsi formativi di carattere socio-culturale. 

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: NAZIONALE (Lombardia; Piemonte; Veneto; Emilia Romagna; Marche; Toscana; Lazio; Campania; Calabria e Sicilia)

 

I MIGRANTI SIAMO NOI
PROG_I migranti siamo noi.pdf
Documento Adobe Acrobat 511.4 KB

 

Titolo progetto: DIRETTI AI DIRITTI

  

Il progetto “DIRETTI AI DIRITTI” vuole cercare di rispondere alle situazioni di povertà che emergono in Italia in particolare derivanti dalla recente crisi economica. Le attività previste saranno realizzate sull’intero territorio nazionale, al fine di effettuare un coordinamento ed un confronto fra le diverse strategie individuate dalle diverse realtà locali per perseguire le finalità progettuali e per arricchire l’analisi sul disagio sociale del nostro Paese attraverso un punto di vista particolare e specifico come quello di un patronato. Nello specifico verranno realizzate attività concrete come l’apertura ed il rafforzamento dell’attività dello sportello informativo; la realizzazione di incontri di gruppo; lo sviluppo della rete di attori impegnati nel settore e la realizzazione di materiale informativo per l’orientamento sul territorio.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: NAZIONALE (Valle D’Aosta; Piemonte; Lombardia; Liguria; Veneto; Marche; Umbria; Abruzzo; Lazio; Campania; Puglia; Sicilia; Sardegna)

 

DIRETTI AI DIRITTI
PROG_Diretti ai diritti.pdf
Documento Adobe Acrobat 481.2 KB

 

Titolo progetto: FAI DA TE... MA INSIEME A ME!

 

 

Il progetto “Fai da te…ma insieme a me” ha come destinatari giovani e adulti che presentano  deficit cognitivi o disagio mentale. Il progetto ambisce a supportare e promuovere il protagonismo di persone con svantaggio derivato da disabilità intellettive/mentali nell’arricchire il proprio tempo di attività e nel perseguire percorsi di crescita e potenziamento del proprio sè. I volontari saranno inseriti in un centro diurno per persone disabili, in attività rivolte specificatamente a singoli o gruppi di disabili con deficit acquisiti in seguito a traumi cerebrali, in residenze assistite (dove vivono persone giovani e adulte disabili con il supporto di personale educativo), in progettualità di laboratorio artigianale, promozione e vendita dei prodotti creati da disabili, in attività di socializzazione, vacanza e gita organizzate durante l’anno sul territorio.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: REGIONE FRIULI VENEZIA GIULIA

 

 

FAI DA TE... MA INSIEME A ME!
PROG_Fai da te... ma con me.pdf
Documento Adobe Acrobat 917.5 KB

 

Titolo progetto: L'ARTE DI VIAGGIARE

 

Il progetto mira a promuovere e realizzare un’offerta moderna e qualificata di turismo sociale, valorizzando la rete dei Centri di Turismo delle ACLI (CTA) e le risorse turistiche e ricettive presenti in ciascuno dei territori coinvolti. Per qualificare e diffondere la cultura del turismo sociale, il progetto intende aggiornare e migliorare la lettura della domanda e offerta di turismo sociale in Italia, realizzare nuovi itinerari accessibili anche ai soggetti più svantaggiati ed aprire, in località specifiche, info-point per valorizzare ancor di più il potenziale turistico del territorio. Nello specifico, le attività proposte ai volontari riguardano: un’indagine sul campo per individuare la domanda e l’offerta di itinerari di turismo sociale e la loro catalogazione, l’altra riguarda la promozione e la pubblicizzazione in rete del turismo responsabile insieme alla possibilità di sviluppare un network di sportelli CTA sociali.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: NAZIONALE (Valle D’Aosta; Piemonte; Lombardia; Veneto; Emilia Romagna; Marche; Umbria; Lazio; Campania; Puglia e Sicilia)

 

L'ARTE DI VIGGIARE
PROG_L'arte di viaggiare.pdf
Documento Adobe Acrobat 388.2 KB

 

Titolo progetto: PERLE DI SPORT

 

Coerentemente con la propria mission e dando seguito alle molte e diffuse pratiche già in atto all’interno del corpo associativo dell’US Acli, questo progetto sperimentale si propone di sviluppare iniziative volte all’integrazione di persone che vivono in qualche misura situazioni di disagio socio-economico e di favorire l’incontro di persone afferenti a territori differenti. In particolare, i volontari in Servizio Civile, saranno coinvolti nell'approfondimento delle attese delle persone con disabilità (raccolta dati); nel coinvolgimento e nella collaborazione costante e attiva tra associazioni/enti/scuole/EE.LL del medesimo territorio (costruzione di una rete associativa ed incontri sul tema); nell’azione finalizzata all'integrazione e all'inclusione sociale delle persone con disabilità, attraverso lo sport (tornei, manifestazioni ludiche, ecc) e nell’organizzazione di attività sportive coordinate sul piano nazionale.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: REGIONI DEL NORD E DEL CENTRO (Emilia Romagna, Friuli Venezia-Giulia, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana, Umbria, Valle D'Aosta, Veneto)

 

PERLE DI SPORT
PROG_Perle di sport.pdf
Documento Adobe Acrobat 551.6 KB

 

Titolo progetto: MUOVITI! MUOVITI!

 

Il progetto MUOVITI! MUOVITI! si prefigge di proporre un programma su scala nazionale di contrasto e prevenzione al fenomeno dell’abbandono sportivo. Il progetto ha come obiettivo la strutturazione di un percorso tecnico e culturale finalizzato alla diffusione sul territorio italiano delle pratiche sportive dedicate all’integrazione sociale delle persone che vivono, in qualche misura, fenomeni di marginalità sociale in quanto appartenenti alle fasce sociali più deboli (giovani in stato di disagio, immigrati, disabili, anziani) anche strutturandole in modo tale da permettere l’incontro anche con ragazzi e ragazze provenienti da provincie diverse da quelle di appartenenza. 

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: REGIONI DEL CENTRO, DEL SUD E ISOLE (Calabria; Campania; Lazio; Molise; Puglia; Sardegna e Sicilia)

 

MUOVITI! MUOVITI!
PROG_Muoviti muoviti.pdf
Documento Adobe Acrobat 444.4 KB

 

Titolo progetto: SENZA ETA'

 

Il progetto “Senza età” ha come target di riferimento gli anziani autosufficienti o con insufficienza lieve. Il progetto mira a garantire l’integrità fisica dell’anziano e pone l’attenzione sull’aspetto psichico e sulle capacità relazionali dello stesso anziano nella società.

In particolare, si vuole agire da una parte organizzando corsi di ginnastica e attività motorie dolci e proponendo percorsi informativi e formativi di educazione all’invecchiamento attivo; dall’altra parte si vuole facilitare i rapporti intergenerazionali, rendendo gli anziani protagonisti della costruzione e della diffusione della memoria storica sia individuale che collettiva, agevolando l’anziano nell’apprendimento di nuove forme comunicative. In particolare, il dialogo intergenerazionale, mettendo da parte giudizi e pregiudizi, è il presupposto per un reciproco e paritario scambio, di saperi, di conoscenze e di competenze, di vissuti.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: REGIONI DEL CENTRO (Umbria, Marche e Lazio, Toscana e Abruzzo)

 

SENZA ETA'
PROG_Senza età.pdf
Documento Adobe Acrobat 588.5 KB

 

Titolo progetto: ANZIANI UNA RISORSA DA VALORIZZARE 

 

La famiglia in Italia continua a svolgere la primaria azione di assistenza e cura dell'anziano ed è tuttora l'elemento essenziale per una qualità della vita accettabile dello stesso. Il progetto si prefigge di attivare delle azioni che hanno lo scopo di eliminare quel senso di invisibilità denunciato da tutti gli anziani come la condizione peggiore della loro decadenza fisica, e mettere in rapporto le generazioni per un scambio reciproco. Per questo i volontari saranno impegnati attivamente in una dialettica intergenerazionale con l'anziano attraverso alcune attività: organizzazione di iniziative ed attività culturali intergenerazionali; attività educative sui principali strumenti di comunicazione ed informatici, “Impariamo a comunicare”; organizzazione di attività che promuovano l’adozione di uno stile di vita sano e un approccio alla vita attivo, “Attiviamoci”, attività motorie e informazione, “Movimenti lenti”.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: REGIONI DEL NORD E DEL CENTRO (Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Piemonte, Trentino Alto Adige, Valle D'Aosta, Veneto)

 

ANZIANI UNA RISORSA DA VALORIZZARE
PROG_Anziani una risorsa da valorizzare.
Documento Adobe Acrobat 1.2 MB

 

Titolo progetto: NON CHIAMIAMOLI ANZIANI 

 

Il progetto “Non chiamiamoli anziani” è un progetto focalizzato sul valore della persona, che anche se anziana, rappresenta un’importante risorsa umana, di sapere, di esperienze, su cui bisogna agire affinché venga valorizzata e “adattata” ad una società dinamica e in continua evoluzione. Gli obiettivi, quindi, sono: migliorare lo stato psicologico e fisico degli anziani, supportandoli nella gestione dei bisogni quotidiani; migliorare le capacità relazionali dell’anziano, incentivandolo alla partecipazione attiva con iniziative come il “Vicinato solidale”; favorire la partecipazione dell’anziano alle iniziative culturali, sociali e politiche, organizzando gite naturalistiche e culturali.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: REGIONI DEL SUD e ISOLE (Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia)

 

NON CHIAMIAMOLI ANZIANI
PROG_Non chiamiamoli anziani.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.0 MB

 

Titolo progetto: SI ALL'INVECCHIAMENTO ATTIVO

 

I destinatari delle azioni previste dal progetto sono anziani over 65 autosufficienti o con lieve non autosufficienza delle province individuate del sud Italia e Isole, dove è palese una necessità di supportare, con interventi specifici, i servizi e le iniziative già esistenti ma insufficienti, per prevenire e combattere la situazione di isolamento in cui si può o si potrebbe trovare la popolazione anziana. I volontari, insieme ad operatori esperti, saranno coinvolti in attività e iniziative, al fine di migliorare la condizione e la qualità di vita degli anziani. Pertanto, gli obiettivi sono: migliorare lo stato di salute complessivo degli anziani attraverso l’attivazione di percorsi “benessere”, di ginnastica e di attività motorie dolci; creare nell’anziano una consapevolezza rispetto alla propria condizione, proponendo percorsi informativi e formativi di educazione all’invecchiamento attivo; migliorare il grado di protagonismo degli anziani autosufficienti agendo contestualmente sulla riduzione dell’emarginazione sociale, attraverso l’offerta di iniziative culturali che diano all’anziano la possibilità di acquisire nuove conoscenze e forniscano contemporaneamente spazi di partecipazione e di aggregazione ed infine ridurre l’emarginazione culturale degli anziani, attraverso l’attivazione di percorsi formativi e corsi di informatica.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: REGIONI DEL SUD e ISOLE (Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia)

 

SI ALL'INVECCHIAMENTO ATTIVO
PROG_Sì all'invecchiamento attivo.pdf
Documento Adobe Acrobat 833.9 KB

 

Titolo progetto: IL PANE NON SI SPRECA

 

L’area metropolitana di Roma Capitale è sempre più caratterizzata da situazioni di forte emarginazione socio-economica, in conseguenza delle quali le persone sperimentano difficoltà nel sostenere i bisogni alimentari di base. Alla luce di ciò, il progetto “Il pane non si spreca” ha l’obiettivo di mettere in moto un circuito di sensibilizzazione e attivazione rispetto al recupero e distribuzione delle eccedenze di panificazione al fine di offrire un supporto materiale alle persone e alle famiglie con problemi di povertà alimentare.

 

TERRITORI DI ATTUAZIONE: ROMA

 

IL PANE NON SI SPRECA
PROG_Il pane non si spreca.pdf
Documento Adobe Acrobat 346.7 KB